[h] Home | [p] Posta Certificata (PEC) | [k] Accesso Rapido | [s] Mappa del sito | [a] Accessibilià | [c] Contatti

Comune di Cavarzere

Provincia Venezia - Regione Veneto


Via Umberto I°, 2
30014 Cavarzere
Venezia

Telefono: +39 0426.317111
Tel. Polizia Locale: 0426/317180

E-Mail:

comune@pec.comune.cavarzere.ve.it
C.F.- P.IVA 00194510277

Sei in: Home -> Attività Produttive
Settore:
Attività Produttive
Responsabile Settore Vigilanza:
dott. Salvatore Salomone
Responsabile:
dr.ssa Annalisa Cisotto - Tel. 0426-317178
E-mail certificata:

1) ALBERGHI E STRUTTURE RECETTIVE Per l'apertura di strutture ricettive alberghiere va richiesta l'autorizzazione al Comune o presentata apposita SCIA a seconda della tipologia della struttura di cui alla Legge 04.11.2002 n. 33 . Devono essere allegati i seguenti documenti: destinazione d'uso urbanistica della struttura, classificazione assegnata dall'amministrazione provinciale, capacità ricettiva, autorizzazione igienico-sanitaria, certificato prevenzione incendi, planimetrie, copia dell’atto di proprietà o contratto di locazione. 2) AGRITURISMO L'imprenditore agrituristico per poter esercitare le attività previste deve presentare la dichiarazione di inizio attività ex legge 20.02.2006 n. 96 al Comune in cui l'attività sarà aperta. La domanda deve indicare le caratteristiche dell'azienda, degli edifici e delle aree da adibire ad uso agrituristico, le capacità ricettive, le tariffe che si intendono praticare. L'istanza deve essere corredata dalla seguente documentazione: 1) parere favorevole dell'autorità sanitaria competente relativo ai locali da adibire all'attività;2) certificati di iscrizione all'elenco degli operatori agrituristici rilasciato dalla Commissione provinciale agrituristica competente per territorio. 3) ACCONCIATORI ED ESTETISTI Le attività di acconciatore ed estetista sono soggette alla segnalazione certificata di inizio attività SCIA attestante il possesso del requisito professionale, il possesso di idoneo parere igienico-sanitario rilasciato dall’ULSS competente per territorio e la conformità ai regolamenti edilizi. 4) AGENZIE D’AFFARI Nella denominazione di agenzie pubbliche di affari sono incluse le imprese che assumono, professionalmente e con finalità di lucro, un’attività prevista dall’art. 115 TULPS di intermediazione a favore di terzi, ovvero la trattazione di affari altrui, prestando la propria opera a favore di chiunque ne faccia richiesta. Sono escluse le attività di intermediazione soggette ad una specifica disciplina del settore (es. agenzie disbrigo pratiche automobilistiche, agenzie di viaggio, agenzie immobiliari). Segnalazione Certificata Inizio Attività per l’apertura o il trasferimento delle agenzie di affari. 5) ASCENSORI E MONTACARICHI Il servizio esamina la documentazione e assegna il numero di matricola ai nuovi impianti (ascensori, piattaforme, elevatori), provvede al fermo in caso di verifica negativa, aggiorna gli elenchi degli apparecchi attivi installati nell’ambito del territorio comunale come statuisce la normativa di riferimento D.P.R. 30 aprile 1999 n. 162. Segnalazione Certificata di Inizio Attività. 6) CARBURANTI Autorizza il rilascio di nuovi impianti stradali e privati di distribuzione di carburante; rilascia il nulla osta per modifiche agli impianti di distribuzione, le autorizzazioni al trasferimento della titolarità, provvede al collaudo degli impianti; autorizza la chiusura per ferie o per sospensione attività mediante la modulistica predisposta sulla base del modello proposto dalla Regione. 7) COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - PRESSO IL MERCATO: autorizza l’esercizio dell’attività di vendita su aree pubbliche del settore alimentare e non alimentare effettuato nella giornata del mercato settimanale, nei posteggi previsti dati in concessione per 10 anni mediante domanda per ottenere la concessione di un posteggio libero devono essere presentate al Comune dove il posteggio è libero, dopo la pubblicazione nel B.U.R. dell’elenco dei posteggi liberi secondo le modalità precisate nello stesso provvedimento e/o su richiesta di subingresso redatta sugli appositi moduli regionali. - IN FORMA ITINERANTE: Autorizza l’esercizio dell’attività di vendita su aree pubbliche del settore merceologico alimentare e non alimentare. Le nuove autorizzazioni, di tipo itinerante permettono di operare su tutto il territorio nazionale, nei mercati, nelle fiere ed in occasioni di manifestazioni. Gli interessati dovranno presentare domanda esclusivamente sulla modulistica opportunamente predisposta dalla Regione e messa a disposizione di questo Servizio. - TESSERINI MERCATINI : rilascia il tesserino di riconoscimento ad operatori non professionali (hobbisti) con il quale possono fare richiesta di partecipazione a max 6 mercatini dell’antiquariato e del collezionismo nell’ambito della Regione Veneto mediante apposito modulo predisposto dalla Regione. 8) EDICOLE Le autorizzazioni per l’apertura delle edicole si distinguono in punti vendita esclusivi e punti vendita non esclusivi da abbinare ad altre ben specifiche attività commerciali nell’osservanza del piano comunale delle edicole. Dovrà essere presentata domanda apertura o trasferimento punto vendita o comunicazione subingresso, variazione superficie di vendita o cessazione attività. 9) FUOCHI D’ARTIFICIO E ACCENSIONI PERICOLOSE Dovrà essere richiesta apposita autorizzazione sindacale da parte di persona abilitata da eventualmente sottoporre alla Commissione Tecnica Provinciale Materie Esplodenti. 10) GIOCHI LECITI SALE GIOCHI: Per l’apertura di sale gioco va presentata una segnalazione certificata d’inizio attività (SCIA). La SCIA deve essere corredata dalle attestazioni e asseverazioni di tecnici abilitati relative alla sussistenza dei requisiti e dei presupposti di legge, corredata dalla planimetria dei locali e dalla copia dell'atto di acquisto o di affitto dell' azienda. La presentazione della segnalazione consente, ai sensi dell’ art. 19 della L. 241/1990, l’inizio immediato dell’attività. Sono fatte salve le verifiche d’ufficio da parte dell’Amministrazione comunale entro 60 giorni dal ricevimento. Copia della SCIA deve essere conservata presso l’indirizzo dell’esercizio. INSTALLAZIONE GIOCHI LECITI: L’installazione degli apparecchi da divertimento senza vincita in denaro, di cui al comma 7 dell’articolo 110 del TULPS, è consentita alle attività di spettacolo viaggiante autorizzate ai sensi dell'articolo 69 del TULPS e in tutti gli esercizi assoggettati ad autorizzazione ai sensi degli articoli 86 o 88 del T.U.L.P.S.; mentre gli apparecchi di cui al comma 6 (denominati newslot) potranno essere installati solamente in questi ultimi come ad es. bar, ristoranti ecc. Inoltre, a seconda della tipologia dell'esercizio nel quale si intendono installare, vengono differenziati limiti numerici e prescrizioni. Come: mediante presentazione SCIA corredata di scheda planimetrica dei locali con precisa ubicazione dei giochi qualora l’interessato non sia già in possesso di apposita autorizzazione. 11) MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO La domanda per il rilascio di autorizzazione per manifestazioni di pubblico spettacolo in luogo pubblico o aperto al pubblico deve essere redatta su modulo predisposto dall'ufficio. La domanda deve indicare il luogo, la data, il tipo di manifestazione. Nella domanda dovranno essere indicati lo scopo della richiesta, l'area e la superficie da occupare o l'ubicazione dei locali, la durata della manifestazione, le varie iniziative programmate (musica, somministrazione di alimenti e bevande, lotteria, pesca di beneficenza, ecc..),le strutture temporanee utilizzate. Per le diverse iniziative dovrà essere prodotta apposita documentazione tecnica. La domanda e i documenti indicati possono essere presentati dall'interessato o dalla persona incaricata, munito di documento di identità valido, di codice fiscale e/o partita IVA. Per dette manifestazioni potrà essere a seconda della tipologia essere richiesto parere alla Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. Alla domanda va allegata la seguente documentazione: • relazione tecnica a firma di un tecnico abilitato; • planimetria in opportuna scala; • documentazione tecnica relativa alle strutture utilizzate, collaudi annuali e certificati di reazione al fuoco dei materiali; • elenco squadra di sicurezza e indicazione dei servizi igienici a disposizione del pubblico; • richiesta autorizzazione somministrazione temporanea e richiesta registrazione sanitaria presentata all'Ulss (in caso di somministrazione di alimenti e bevande); • dichiarazione di corretto montaggio delle strutture e dichiarazione di conformità dell'impianto elettrico e idraulico a firma di tecnici abilitati (consegnate a montaggio e allacciamenti ultimati). Manifestazioni di pubblico spettacolo all'interno di un locale. Per spettacoli effettuati all'interno di un locale, la documentazione deve essere completata inoltre da: • schema e relazioni su impianto elettrico, di riscaldamento, di condizionamento; • certificazioni ignifughe sugli arredi, • relazione tecnica sul ricambio d'aria. 12) MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE Deve essere presentata comunicazione almeno 30 giorni prima della manifestazione al Prefetto, al Sindaco e all’Ispettorato Compartimentale Monopoli di Stato di Venezia così come prevedono gli artt. 13-14 del D.P.R 430 del 26.10.2001. 13) PANIFICATORI Deve essere presentata apposita SCIA ex legge 04.08.2006 n. 48 art. 4 attestante altresì autorizzazione USL, titolo edilizio e l’agibilità dei locali. 14) PHONE CENTER Deve essere presentata richiesta di autorizzazione previa verifica dei requisiti di cui alla Legge Regionale n. 32 del 30.11.2007. 15) PRODUTTORI AGRICOLI Gli imprenditori agricoli, singoli o associati, iscritti nel registro delle imprese di cui all'art. 8 della legge 29/12/1953 possono vendere direttamente al dettaglio in tutto il territorio i prodotti provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende, osservate le disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità. 2. La vendita diretta dei prodotti agricoli in forma itinerante è soggetta a previa comunicazione al Comune del luogo ove ha sede l'azienda di produzione. Per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all'aperto nell'àmbito dell'azienda agricola o di altre aree private di cui gli imprenditori agricoli abbiano la disponibilità non è richiesta alcuna formalità. 16) RIMESSA AUTOVEICOLI O VETTURE E AUTONOLEGGIO SENZA CONDUCENTE Per iniziare l’attività di rimessa autoveicoli o vetture autonoleggio senza conducente è necessaria la Segnalazione Certificata d’inizio attività (SCIA). La SCIA dev’essere corredata dalle attestazioni e asseverazioni di tecnici abilitati, ovvero dalle dichiarazioni di conformità da parte dell’Agenzia delle imprese, relative alla sussistenza dei requisiti e dei presupposti di legge (art.19 della L241/1990) e dalla copia dell'atto di acquisto o di affitto dell' azienda. La presentazione della segnalazione consente, ai sensi dell’art.19 della L.241/1990, l’inizio immediato dell’attività. Sono fatte salve le verifiche d’ufficio da parte dell’Amministrazione. 17) SALE DA BALLO Per l'apertura al pubblico di discoteche l’interessato deve fare richiesta di autorizzazione in marca da bollo al Comune, allegando la seguente documentazione tecnica: planimetria del locale, calcoli statici, schema e relazioni su impianti elettrico-riscaldamento-condizionamento, certificazione degli arredi. Successivamente la locale Commissione Comunale di Vigilanza sui pubblici spettacoli uscirà per un sopralluogo per accertare l’agibilità dei locali in ordine alle disposizioni di sicurezza. In caso di esito positivo viene rilasciata l’apposita autorizzazione amministrativa. 18) SOMMINISTRAZIONE La somministrazione di alimenti e bevande connessa ad attività di intrattenimento e svago, negli impianti stradali di carburanti e temporanea in occasione di fiere, feste e riunioni straordinarie di persone e nei circoli potrà effettuarsi tramite SCIA attestante i requisiti morali e professionali ai sensi della Legge Regionale Veneto n. 29 del 21.09.2007 unitamente al rispetto della normativa igienico sanitaria e documentazione attestante la disponibilità e regolarità edilizia dei locali. 19) SPETTACOLI VIAGGIANTI – LUNA PARK Procedimento per il rilascio dell'autorizzazione relativa a spettacoli viaggianti - luna park - circhi e giostre (decreto 18/05/2007) Chi intende esercitare un'impresa di spettacoli viaggianti o circhi deve chiedere: • la licenza di pubblica sicurezza al Comune di residenza; • l'autorizzazione al Comune in cui si intende dare intrattenimenti o spettacoli. Per esercitare l'attività di attrazionista spettacoli viaggianti è necessario fare domanda da sottoporre per la verifica degli aspetti tecnici di sicurezza e di igiene alla locale Commissione Comunale di Vigilanza sui locali di pubblico spettacolo. Il titolare dell’attività dovrà inoltre essere in regola con la Camera di Commercio, la copertura assicurativa dell'attrazione, il libretto tecnico e manuale d'uso, il collaudo annuale, il codice identificativo e tutta la documentazione tecnica prevista. 20) TRASPORTI NON DI LINEA Autorizza il trasporto pubblico di persone svolto mediante i servizi di NCC (noleggio auto e autobus con conducente); provvede all’indizione dei concorsi per l’assegnazione delle licenze e delle autorizzazioni, alle sostituzioni auto alle variazioni anagrafiche ai subingressi nelle titolarità. Le licenze per l’esercizio di autonoleggio con conducente per trasporto persone sono a numero chiuso ed assegnate tramite pubblico concorso utilizzando apposita modulistica. 21) VENDITA FORME SPECIALI Con "forme speciali di vendita" si intendono quelle attività commerciali che non vengono esercitate nei negozi tradizionali (vendita negli spacci interni, tramite distributori automatici, per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione, a domicilio e commercio elettronico). L’inizio dell’attività riguardante le forme speciali di commercio al dettaglio è soggetta a segnalazione certificata – SCIA - da presentare al Comune utilizzando l’apposita modulistica. (D.Lgs. n. 114/1998, D.Lgs. n. 59/2010 e L.241/1990 e successive modifiche). La presentazione della segnalazione certificato d’inizio di attività comporta, ai sensi dell’art.19 della L.241/1990, l’inizio immediato dell’attività, fatti salvi i controlli da parte dell’Amministrazione comunale per verificare, entro 60 giorni dal ricevimento della segnalazione, la regolarità di quanto dichiarato e, in caso contrario, vietare il proseguimento dell’attività. Copia del modulo, munita di ricevuta, deve essere conservata presso l’indirizzo dell’esercizio. VENDITA SPACCI INTERNI Per vendita negli spacci interni si intende quella effettuata da enti o imprese, pubblici o privati, a favore dei dipendenti, oppure quella effettuata a favore dei militari, dei soci delle cooperative di consumo, degli aderenti ai circoli privati, nelle scuole e negli ospedali esclusivamente a favore di chi ha titolo per accedervi. I locali, nei quali è collocato lo spaccio interno, non possono avere accesso dalla pubblica via. VENDITA TRAMITE DISTRIBUTORI AUTOMATICI E’la vendita che avviene attraverso apparecchi che funzionano mediante introduzione di monete corrispondenti al prezzo del prodotto scelto e provvedono automaticamente alla consegna della merce. VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE E ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE: La vendita per corrispondenza o tramite televisione o altri sistemi di comunicazione può iniziare immediatamente con la presentazione della segnalazione al Comune nel quale l’esercente, persona fisica o giuridica intende avviare l’attività. Le operazioni di vendita all'asta realizzate per mezzo della televisione o di altri sistemi di comunicazione sono vietate, chi effettua le vendite tramite televisione per conto terzi deve essere in possesso della licenza di cui (art.115 TULPS). VENDITA A DOMICILIO La vendita presso il domicilio dei consumatori deve essere segnalata al comune nel quale l'esercente ha la residenza . Gli incaricati alla vendita devono essere muniti di un tesserino di riconoscimento numerato e aggiornato annualmente, con la fotografia, il nome e cognome, la sede della ditta e i prodotti che vendono. Il cartellino, che deve essere esposto in modo visibile durante le operazioni di vendita, deve riportare il nome del responsabile della ditta. COMMERCIO ELETTRONICO Per la vendita tramite internet è prevista apposita comunicazione di commercio elettronico che segue le normali regole delle altre forme speciali di vendita.

Modulistica

Conto corrente comune di Cavarzere
download
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
IT Solution by paesi.com
Accessibilità Valid XHTML 1.0 Strict